Torneo Primaverile: Under 18 da applausi nella semifinale di Cislago

Doveva essere una formalità per la US Cistellum la partita con il Volley Sumirago, nella semifinale del Torneo Primaverile Under 18. Cislago infatti ha brillantemente vinto il suo girone, mentre Sumirago si è piazzata ‘solo’ al secondo posto nel suo.

Ma in una semifinale in gara secca, che fa tanto clima playoff della pallavolo dei grandi, può succedere di tutto. Lo sa bene Castronno, prima nel girone di Sumirago e sconfitta nettamente (0-3) da Venegono nell’altra semifinale.

Che per Cislago non sarebbe stata una serata facile lo si è capito subito dal primo set: spalla spalla fino al 5-5, poi Sumirago vola e assesta una bella sberla alle quotate avversarie: 25-9 il punteggio finale, grazie ad una battuta efficace e un attacco inarrestabile.

Ecco alcune immagini della bellissima partita:

[AFG_gallery id=’23’]

La Cistellum però è squadra solida. Infatti, smaltita la sbornia, riprende in mano le redini della partita. Sia nel secondo che nel terzo set non si può dire che le padrone di casa dominino il campo, ma sono sempre davanti con sicurezza e vincono i due parziali senza che siano mai messi in discussione.

Sumirago nel quarto set mostra tutto quello che ha imparato in una stagione in cui la stessa squadra Under 18 è arrivata quinta in Seconda Divisione. Cislago è sempre avanti e sembra ormai scritto il finale, ma l’orgoglio e la crescita nella tenuta mentale porta Sumirago a vincere in volata il parziale grazie ad una ritrovata sicurezza difensiva sulla battuta avversaria. Set tirato, tensione alta, ma il quinto set è giusto premio alle ragazze di coach Carturan.

Nel tie-break tutta quella differenza che il pronostico diceva ci fosse alla vigilia non si vede. Le due squadre si giocano la vittoria punto a punto e forse, nel momento decisivo, Cislago ha avuto qualcosina in più.

Il 15-13 con cui si chiude la partita non lascia che tanti applausi alle nostre giocatrici che proprio nell’ultima gara della stagione hanno giocato la gara più bella, degna della grande storia delle sfide tra Cislago e Sumirago.